L’Ora Nera

(Chris Gorak – USA/Russia 2011)

L’Ora Nera ha un suo fascino. Sarà per gli scorci di una Mosca bellissima e deserta (le metropoli disabitate danno sempre un brivido, pensate alla scena finale de L’Avvocato Del Diavolo o a Io Sono Leggenda), sarà per il concept dell’alieno rappresentato come un grumo di luce, sarà per la questione delle lampadine che si accendono in presenza dell’invasore: premesse accattivanti per un action movie fantascientifico. Anche il gruppo di sopravvissuti funziona: i migliori amici (Hirsch, Minghella), le migliori amiche (Thirlby e Taylor) e uno svedese cattivo che si capisce subito debba morire per primo. Il film si tiene in piedi piuttosto bene finché non c’è uno scopo. Poi arriva uno scienziato russo che ha scoperto che con una gabbia di Faraday (wikipedia) è possibile scampare al radar alieno. Da qui le congetture scientifiche, la fisica for dummies e degli improbabili cannoni  fai-da-te spara microonde lanciano la trama nell’infinito nonsense. Gli alieni non fanno più paura (e quando non sono luce sono fatti anche malino), i russi sembrano un popolo di bifolchi e lo scopo della missione (trovare un sottomarino) non mi è parso particolarmente intelligente. Sei e mezzo per l’impegno e la presenza di Emile Hirsch che merita sempre fiducia. Il finale sembra aperto… ma un seguito proprio non lo capirei.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...